Franmarine | Charter Nautico vela e motoreFranmarine | Charter Nautico vela e motore
Forgot password?

Snorkeling

Snorkel

Lo snorkel consente di respirare comodamente in superficie durante il nuoto senza dover sollevare la testa e godendosi la bellezza dei fondali.

Le dimensioni dello snorkel devono essere adeguate alla persona, così un bambino avrà uno snorkel più sottile e più corto ed un uomo adulto più lungo e più largo perché vi passi agevolmente l’aria necessaria alla respirazione. Il boccaglio deve essere morbido ed adattarsi bene alla forma della bocca e dei denti, esistono tantissimi boccagli ergonomici ed il negoziante sarà in grado di consigliarvi su quello più adatto a voi. Lo snorkel può anche avere una valvola di spurgo che aiuta a vuotarlo nel caso di ingresso d’acqua, ma può anche non averla ed in questo caso per vuotarlo sarà sufficiente soffiare nel tubo.

La maschera

Maschere appannate, che fanno male o sono sempre piene d’acqua rappresentano, spesso, l’incubo dello snorkelista. Molti problemi si possono risolvere già al momento di acquistare la maschera. Andate in un negozio specializzato, di persona e provate le maschere disponibili: poggiate la maschera sul viso senza cinghiolo, inspirate leggermente e poi trattenete il respiro, la maschera giusta dovrà aderire perfettamente al viso e non far uscire l’aria. Poi provatela anche con il cinghiolo e verificate che non stringa o faccia male da qualche parte.

La maschera non si appanna quando l’interno del vetro è perfettamente pulito. Tutte le maschere quando sono nuove tendono ad appannarsi. Esistono vari tipi di trattamento che potrete fargli già prima di provarle in acqua:

  • cospargete l’interno del vetro con uno strato abbondante di dentifricio in pasta e lasciatelo alcune ore, poi lavate accuratamente la maschera e lasciatela asciugare (il procedimento di può ripetere più volte);
  • lavate accuratamente con sapone per stoviglie l’interno della maschera, anche più volte se necessario;
  • bruciate con un accendino le sostanze che si trovano all’interno del vetro.

Pinne

Qualcuno pensa che si possa tranquillamente fare snorkeling senza mettere le pinne. I realtà esse sono indispensabili per poter nuotare in sicurezza. Le pinne offrono una certa galleggiabilità che aiuta quando si è stanchi, aumentano la spinta delle gambe consentendo di muoversi più agevolmente e di fare meno fatica, possono essere un aiuto indispensabile in presenza di corrente o se si deve aiutare qualcuno in difficoltà.

La scelta delle pinne è anch’ essa molto personale. Esse devono calzare come un paio di scarpe (anzi di comode pantofole), non devono stringere i piedi perché causerebbero crampi e devono essere della lunghezza giusta per la nostra preparazione atletica (una pinna lunga può renderci molto veloci, ma se le gambe non sono allenate faranno venire i crampi ai polpacci).

Muta

La muta serve per proteggersi contro il freddo. Anche nei mari caldi, il contatto con l’acqua produce dispersione termica e dopo un po’ di tempo si comincia a sentire freddo (chi più chi meno). L’utilizzo di una muta riduce il contatto con l’acqua e quindi la dispersione termica. Le mute sono fatte di neoprene di spessore diverso (in base alla temperatura dell’acqua del mare in cui farete snorkeling).  La muta deve essere comoda, se è troppo larga, il ricambio d’acqua all’interno sarà continuo e quindi ci sarà comunque dispersione termica, se è troppo stretta limiterà la circolazione e vi sentirete troppo costretti. La muta va quindi provata e deve aderire bene al corpo senza stringere.

Altro

Altre attrezzature che vorrete considerare potrebbero essere un giubbetto da snorkeling, una boa o una tavoletta. Queste attrezzature possono aiutare nel galleggiamento e farvi sentire più sicuri. In ogni caso il neoprene ha una forte galleggiabilità ed anche l’utilizzo di una muta può già essere sufficiente.